Più medicinali ospedalieri in farmacia

Aumenta la gamma di medicinali ospedalieri che possono essere distribuiti nelle farmacie territoriali. È l'effetto dell'approvazione, da parte della V Commissione Bilancio della Camera, dell’emendamento al Decreto Rilancio finalizzato a favorire la dispensazione da parte delle farmacie di medicinali prima distribuiti soltanto dalle strutture pubbliche.

Più medicinali ospedalieri in farmacia

 

 

 

 

Ciò significa che molti cittadini che assumono regolarmente farmaci nell'ambito di una terapia di lungo termine non dovranno per forza recarsi in ospedale per ritirarli, ma potranno rivolgersi a un presidio sul loro territorio.

 

Come è stata accolta la notizia

Federfarma, la federazione nazionale unitaria dei titolari delle farmacie, ha espresso grande soddisfazione per l’approvazione dell'emendamento che conferirà alle farmacie la possibilità di elargire, dietro presentazione della ricetta medica, alcuni farmaci di particolare rilievo che prima non potevano essere messi a disposizione del pubblico, se non da ospedali e strutture sanitarie analoghe adeguatamente autorizzate.

La misura è in linea con i bisogni dei pazienti, in particolare di quelli più fragili come gli anziani e i malati cronici, e agevola di conseguenza anche le loro famiglie, che auspicano una semplificazione delle procedure burocratiche avendo già tanti altri pensieri di cui doversi far carico.

Più medicinali ospedalieri in farmacia

I dettagli del provvedimento

L’emendamento in questione prevede che dal primo ottobre le regioni possano affidare alle farmacie la ripartizione di quelle particolari medicine destinate al trattamento dei pazienti in assistenza domiciliare, residenziale e semi-residenziale oppure prescritte al momento della dimissione ospedaliera per garantire la continuazione della terapia anche a casa.

La dispensazione da parte delle farmacie di medicinali solitamente distribuiti direttamente dalle strutture pubbliche è un ulteriore passo per rendere più efficace l'assistenza domiciliare dei malati, che negli ultimi mesi ha subito un'accelerazione anche grazie alla consegna a domicilio dei farmaci. Per far fronte all'aumento del carico di lavoro per le farmacie si può far ricorso a meccanismi di automazione industriale che permettono di massimizzare l'efficienza del servizio reso al pubblico. Implementare i sistemi di automazione eviterebbe un sovraccarico di stress per gli addetti delle farmacie e l'aumento dei costi del lavoro per far fronte ai nuovi servizi offerti.

 


Stampa